Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

IL DISCEPOLO DI TURATI

di Bettino Craxi

Pubblichiamo il testodel discorsoche il segretario del Psitenne a Milano nel 1982nel corso di un convegno internazionale sul socialismo europeo, alla vigilia dell'incarico a formare il primo governo a guida socialista. Non Ŕ senza emozione che parler˛ di Filippo Turati; che fu il fondatore e l'apostolo del movimento socialista e del primo partito nazionale dei lavoratori italiani e di Sandro Pertini, eroe dell'antifascismo socialista. Attraverso la rievocazione di vicende dolorose ed eroiche risalterÓ in modo nitido quanto fosse profondo il legame tra i due uomini, che, insieme a tanti altri valorosi, furono ad un tempo vittime di una brutale persecuzione e protagonisti di una aspra e difficile lotta ch'essi seppero sempre condurre con grande coerenza ed immenso coraggio. Nei documenti e nelle testimonianze di quegli anni terribili per i socialisti e per tutti coloro che non si piegarono di fronte alla dittatura, ritroviamo in tutta la loro intensitÓ e nobiltÓ, l'amicizia e la solidarietÓ che affratell˛ i due uomini nella sventura e nel sacrificio, li accomun˛ nella lotta, e li uný in quella comunitÓ di ideali ch'essi perseguivano con fede quasi religiosa, spinti da quell'amore int...