Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

UN'UNICA LISTA PER I SOCIALISTI DI MILANO

di Luigi Vertemati

ABiscardini e Collio non posso che dire bravi. Essere riusciti, dopo anni di divisioni, a darsi appuntamento per le prossime elezioni a Milano, Ŕ un bel passo avanti. E' soprattutto da Milano che la diaspora va superata predisponendo, con umiltÓ ma anche con orgoglio, programmi, progetti e candidature. E' giusto che i socialisti milanesi pensino di tornare a Palazzo Marino, vogliono concorrere a dar vita ad una amministrazione viva e capace. Dopo anni di confusione, nullitÓ amministrativa, caduta verticale del prestigio della cittÓ dentro e fuori Italia; Ŕ ora di rilanciare Milano. Certo il passato, tutto il passato, come chiede Iriondo, va ricordato. Probabilmente il segretario del Pds non conosce bene la storia di Milano visto che l'unico apprezzamento all'iniziativa socialista Ŕ uno stop, quasi avesse paura dei socialisti. Vanno ricordati Caldara e Greppi, come Ferrari, Cassinis, Bucalossi, Ardasi, Tognoli, Pillitteri, gli ultimi tre alla guida per quindici anni di giunte di sinistra con il Pci parte importante del governo della cittÓ. Per altro va ricordata la confusa fase giustizialista, filo leghista, comunque perdente ed incapace di aggregare maggioranze, del Pds di questi a...