Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

DALLA PARTE DELLE PICCOLE IMPRESE

di Gaetano Minutilli

Il momento storico che stiamo attraversando Ŕ molto delicato e merita molta attenzione e senso di responsabilitÓ da parte di tutti noi. La rottura di certi equilibri a livello nazionale fa sý che la fase di profondo cambiamento della societÓ va gestita in maniera diversa rispetto al passato. Ci troviamo di fronte ad una societÓ che muta in maniera frenetica le sue strutture operative sostituendo a vecchi valori dei nuovi senza la dovuta e necessaria marcia di avvicinamento al cambiamento. Questa trasformazione coinvolge tutto e tutti! Abbiamo un Paese che cerca di tamponare attraverso la politica del giorno dopo giorno le falle che gruppi economici ben precisi aprono continuamente. Abbiamo un'inflazione reale che corrode continuamente il potere d'acquisto dei nostri salari e stipendi e nessuno riesce a frenare la salita libera dei prezzi al consumo. Anche se l'inflazione pilotata che propagandano tende verso il basso. Abbiamo un terrorismo ideologico che colpisce obiettivi strategici e innocenti cittadini creando panico, paura e incertezza per l'indomani. Abbiamo assistito all'avvento e al consolidarsi del potere della magistratura che ha sposato l'idea del protagonismo ad ogni cos...