Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

CONFRONTO A SINISTRA

di Enzo Coli

L'invito, del quale vivamente vi ringrazio, che ho ricevuto per il vostro incontro, nella sede sociale di Via S. Ercolano, appartiene a quella ricca fioritura (per usare una metafora cara al compagno Mincigrucci) di iniziative, delle quali si rendono protagonisti quanti non si rassegnano a considerare destinata alla frammentazione totale l'ereditÓ culturale e politica che Ŕ nella storia del Partito Socialista Italiano. Eppure, questo fiorire di iniziative, se Ŕ segno della vitalitÓ che ancora anima le varie componenti della cultura socialista italiana e umbra, nello stesso tempo sta a dimostrare che le soluzioni organizzative e le prospettive politiche che fino ad oggi possiamo registrare, naturalmente, non accontentano nessuno. Questa considerazione mi induce a rispondere alla vostra sollecitazione, con l'intenzione di dare un contributo non convenzionale e di circostanza, ma finalizzato ad indicare gli obiettivi per i quali, a mio avviso, quanti abbiamo fatto parte del vecchio Psi, ora, dovremmo sentirci impegnati. Le premesse del mio ragionamento sono le seguenti. Primo: il nostro Paese ha bisogno di portare a compimento un'operazione di riforma istituzionale ed elettorale, che ...