Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

TROPPO DIFFICILE

di Francesco Accursio

Otto secoli di guerra e due anni di tregua bruscamente interrotti. Dopo una estate di sangue forse pu˛ tornare il dialogo fra le due comunitÓ. C'Ŕ una storiella che circola in Manda. Su un aereo in volo il pilota annuncia al microfono: "Il comandante comunica che stiamo per atterrare all'aeroporto internazionale di Belfast. I signori passeggeri sono pregati di spostare le lancette dell'orologio indietro di trecento anni". Naturalmente Ŕ una barzelletta ma chi a Belfast arriva in treno deve davvero comunicare ai taxi davanti alla stazione l'indirizzo dove desidera essere portato. Un taxista cattolico potrebbe infatti non volere attraversare certe vie o fermarsi in una determinata strada, o viceversa pu˛ essere un autista protestante a non sentirsi sicuro e a smistarvi sul taxi "giusto" per quell'indirizzo. E questo alle soglie del Duemila francamente sembra troppo. Nell'ultimo decennio il mondo Ŕ cambiato, non esistono pi¨ i blocchi militari contrapposti, Ŕ crollato il muro di Berlino, i leader di Israele e dei palestinesi si sono dati la mano davanti al mondo intero, perfino Sarajevo ha trovato la difficile strada della pace. Ma in Nord Manda il tempo Ŕ ancora fermo e la societ...