Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

ORA BAGHDAD CONTROLLA ANCHE IL KURDISTAN IRACHENO

di Robert Hassan

Laquestionecurdavienestritolatatra i duemacigni dellepoliticheforti diClinton eSaddam. L'opinione pubblica mondiale ha reagito molto duramente nei confronti della rappresaglia americana a Baghdad, in seguito all'offensiva di Saddam nel Kurdistan iracheno. La Lega Araba ha condannato l'aggressione americana, in quanto intrusione nella sovranitÓ di uno Stato arabo. Siria, Iran e Giordania hanno definito i bombardamenti come un atto di arroganza che viola le leggi internazionali. La Russia, tradizionalmente alleato e importante partner commerciale dell'Iraq, ha criticato la rappresaglia americana, definendola sproporzionata e inaccettabile. La Francia, anch'essa partner commerciale dell'Iraq e incline a marcare l'autonomia dagli Stati Uniti come faceva De Gaulle, ha sostenuto che Saddam a casa sua pu˛ fare quello che vuole, a differenza della Guerra del Golfo nel '91 dove l'Iraq aveva invaso invece un territorio straniero. Inoltre Chirac ritiene che il rais di Baghdad non ha violato le risoluzioni Onu sulla "No fly zone". La risoluzione 688 del 1991, approvata dal Consiglio di Sicurezza Onu stabilisce che le popolazioni civili non devono essere coinvolte nei combattimenti e che biso...