Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 10
 
 


1996,
Numero 10

NON SI DICE LA VERIT└

di Edmond Dantes

The Economist,si sa, non Ŕ la Bibbia, ma come il Wall Street Journaled il Financial Times fa tendenza, e quelle quattro paginette pubblicate ogni settimana in fondo alla rivista sono studiate in tutto il mondo con grande attenzione, anche perchÚ le centinaia di cifre contenute non sono inventate, e le previsioni che tutti i mesi la rivista inglese pubblica sono tendenzialmente corrette. Ora cosa vi si pu˛ leggere? Che l'inflazione in Italia resta alta, (3,1%) in confronto agli altri grandi Paesi della U.E. (G.B. 2,1; Francia 1,6; Germania 1,4), e che le previsioni per il 1997,non sono migliori: 3,3 per l'Italia contro il 2,9 per la G.B., l'1,8 per la Francia e l'1,9 per la Germania. Questi dati, confrontati con le previsioni di crescita reale del Pii nel 1997 (Italia tra l'1,5 ed il 2,5%, Gran Bretagna tra il 3 ed il 4%, Francia tra il 2 ed il 2,7%, Germania tra l'1,9 ed il 2,6%), dicono che il divario tra l'Italia e gli altri Paesi in termini di ricchezza reale tende ad aumentare enormemente. Gli italiani diventano pi¨ poveri e i sacrifici richiesti non riducono il debito mentre la crescita non decolla. Il Wall Street Journal prevede addirittura una crescita italiana, nel triennio...