Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 10
 
 


1996,
Numero 10

QUARANT'ANNI FA

di Critica Sociale

Trecentomila persone ai funerali di Rajk (impiccato dal governo),la manifestazionedegli studenti, l'occupazione della Radio. Cosý inizia la rivolta e il regime vacilla. In Ungheria, come in Cecoslovacchia, in Germania Orientale, in Romania e in Bulgaria, la destalinizzazione aveva proceduto con enorme lentezza. Matyas RÓkosi, al potere in Ungheria dal tempo dell'occupazione sovietica, stalinista convinto, esule a lungo in Urss, era considerato uno dei pi¨ duri e dispotici capi comunisti. Polizia e spionaggio erano i sostegni del suo potere, sempre pi¨ distante dalle masse popolari. RÓkosi, peraltro, nel 1953 aveva fatto autocritica per compiacere i nuovi dirigenti sovietici, confessando "di aver sostituito la sua direzione personale alla direzione collettiva". Alle parole, tuttavia, non seguirono i fatti e perci˛ Kruscev intervenne direttamente imponendo al segretario del Partito comunista ungherese di nominare il "revisionista" Imre Nagy a capo del governo. Questi, comunista da sempre, aveva subito condiviso la linea pi¨ morbida dei successori di Stalin. RÓkosi tuttavia non mollava e, saldamente appoggiato dall'apparato del partito e dalla polizia, rendeva sempre pi¨ difficile...