Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 10
 
 


1996,
Numero 10

"MENTRE SCRIVIAMO QUESTE NOTE INFURIANO I COMBATTIMENTI"

di Luigi Fossati

Budapest,24 ottobre. Alle sette del mattino la radio annuncia che Imre Nagy Ŕ stato nominato nuovo presidente del Consiglio. Le trasmissioni vengono fatte da una centrale radio sussidiaria, che quella centrale Ŕ inutilizzabile. Vengono trasmessi dischi di musica classica. Ogni dieci minuti viene ripetuto il comunicato sulla formazione del nuovo Governo. Vi sono decine di centri di resistenza in cittÓ. Piccoli gruppi annidati agli ultimi piani delle case o reparti pi¨ numerosi, dotati di camion. che si spostano velocemente. Alcune vie e piazze sono interamente bloccate. Si passa sottoponendosi al controllo degli insorti. Pochi sono, almeno fino al pomeriggio, i reparti dell'esercito ungherese impiegati nell'azione di repressione. Talune caserme, invece, sono state occupate dai manifestanti senza trovare resistenza. Alle 8 Ŕ stata data notizia dei mutamenti avvenuti nella direzione del partito dei lavoratori ungheresi, secondo le decisioni prese nella riunione notturna del Comitato centrale. Sono stati immessi nel C.C. cinque nuovi membri fra cui il filosofo Georg Lukacs, Imre Nagy e Ferenc Muennich, l'attuale ambasciatore d'Ungheria a Belgrado. E' stato pure eletto il nuovo ufficio ...