Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 10
 
 


1996,
Numero 10

"SCENDO VERSO IL DANUBIO, SI ODONO I COLPI SULL'ALTRA RIVA"

di Luigi Fossati

Budapest, 25 ottobre. Budapest ha un aspetto desolato. I cingoli dei carri armati hanno messo a soqquadro le strade, i bordi dei marciapiedi sono sbrecciati, in molte strade si cammina sui vetri infranti. Si odono, provenienti da pi¨ parti, serrate raffiche di mitra, colpi di cannone dei carri corazzati. Pattuglie dell'esercito sono ferme agli angoli delle strade. La radio continua a trasmettere comunicati invitanti la popolazione a rimanere tranquilla e a recarsi al lavoro. Ma solo poche linee automobilistiche e tranviarie cominciano a funzionare, per arrestarsi anch'esse, poche ore dopo. Nelle strade, verso le sette, c'Ŕ folla che s'avvia verso le fabbriche e gli uffici. Centinaia di persone fanno la fila davanti ai negozi di generi alimentari, in attesa che siano alzate le saracinesche. In un appello radiofonico il sindaco di Budapest ha annunciato che rifornimenti straordinari sono stati fatti affluire in cittÓ. In moltissimi edifici continua ad essere esposto il tricolore. In alcune fabbriche della zona industriale le maestranze hanno formato picchetti d'ordine, ma vengono esposti cartelli che chiedono uno sviluppo socialista democratico e autonomo dell'Ungheria, e le dimissio...