Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 10
 
 


1996,
Numero 10

"VI SONO REPARTI UNGHERESI SCHIERATI CON GLI INSORTI"

di Luigi Fossati

Budapest, 26 ottobre. Si combatte ancora, accanitamente, in decine di punti della cittÓ. Reparti di carri armati e autoblindo pattugliano le strade, facendo di tanto in tanto fuoco a scopo dimostrativo. Una colonna di carri sovietici, passando per il viale di circonvallazione, fa fuoco contro le case sbrecciando mura e sfondando finestre. Da alcuni tratti dei viale, ieri sera e stamattina, erano partiti ancora alcuni colpi di arma da fuoco, da parte dei gruppi insurrezionali. Ma la misura di rappresaglia Ŕ sproporzionata, irresponsabile. I danni di Budapest vanno aumentando, occorreranno settimane di intenso lavoro e mezzi straordinari per ridare alla cittÓ l'aspetto accogliente di sempre, per riparare gli sconvolgimenti prodotti dalle centinaia di carri armati, dal fuoco degli scontri. E vanno aumentando anche le vittime. Si parla ormai di cinquecento morti, di quasi duemila feriti. Ho visitato due ospedali nella zona del centro. Mi ero trovato accanto a un medico ungherese, riparato sotto un portone in attesa che cessasse una scarica di raffiche. Aveva studiato alcuni anni in Germania, mi disse che da martedý non era riuscito a dormire che un paio d'ore, sempre in giro per presta...