Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 10
 
 


1996,
Numero 10

ELEZIONI USA: VINCE IL QUIETO VIVERE

di Gianni De Michelis

Senz'altro un documento interessante la piattaforma nazionale del Partito Democratico approvato dalla Convenzione di Chicago in vista delle elezioni presidenziali. Infatti, andando al di lÓ della forza e del tono chiaramente finalizzato ai fini di "captatio benevolentiae" degli elettori, si coglie chiaramente l'evoluzione in senso centristico impressa da Clinton nel corso di questi quattro anni e chiaramente accentuato oggi in vista dell'obiettivo molto realistico di un secondo biennio presidenziale. Tale evoluzione Ŕ particolarmente evidente nei capitoli dedicati alle politiche economiche e sociali. In materia economica il programma Ŕ particolarmente tradizionale e moderato, fin quasi a rasentare l'ovvietÓ. L'obiettivo Ŕ quasi banale: "fare andare l'economia americana" sulla base di una ricetta, basata su tre prioritÓ, "tagliare il deficit, sviluppare il commercio e investire nel capitale umano". Come si vede nulla di particolarmente innovativo, nÚ di rischiosamente radicale; una scelta chiara a favore dell'iniziativa privata, con molta enfasi, in forma forse un po' troppo populistica, sul ruolo dell'impresa minore e una riserva di caccia per l'intervento pubblico e governat...