Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 11
 
 


1996,
Numero 11

UN AUGURIO

di Critica Sociale

Con il congresso del 30 novembre a Roma si compie un passo in avanti nella ricomposizione della diaspora socialista. Il quadro politico lo consente, poichÚ, anche se a fatica, i nodi della "rivoluzione italiana" stanno venendo al pettine. Il sistema bipolare Ŕ giÓ in crisi, le coalizioni hanno un tasso di litigiositÓ interna molto pi¨ alta di quello registrato nelle coalizioni di maggioranza della cosiddetta prima repubblica. I governi vacillano e cadono mediamente ogni anno, nonostante le promesse di maggiore stabilitÓ del nuovo sistema elettorale. L'Italia ha perso gran parte del suo prestigio internazionale e, all'interno, la recessione che si profila unitamente al giro di vite fiscale sta stroncando l'economia e la serenitÓ delle famiglie. Per arrivare a questo bel risultato l'ubriacatura giustizialista e moralizzatrice ha dovuto sventrare il sistema politico liquidando innanzitutto Craxi e l'autonomismo socialista. La rinascita del Psi non pu˛ avvenire con il torcicollo: ci si rialza da dove si Ŕ caduti. Ci ha detto Giuliana Nenni: "Mi auguro che il Partito Socialista rinasca e non posso che augurarmelo. Non ho idea se questo potrÓ succedere il 30 novembre al congresso nazi...