Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 11
 
 


1996,
Numero 11

DICONO DI NOI

di Critica Sociale

Sul congresso di riorganizzazione del Partito socialista, Critica Sociale ha chiesto un'opinione a Colletti, BagetBozzo, Macaluso, Buttiglione, Ghirelli, Maiolo, Colajanni, Liguori, Mughini. Abbiamo chiesto a politici, intellettuali e giornalisti di raccontarci cosa pensano del ritorno, sulla scena politica, del partito socialista italiano. Per farlo ci siamo basati su quattro domande chiave che riassumono, seppur schematicamente, i temi che attraversano il dibattito in questo periodo. Questi i punti che abbiamo sottoposto alla loro attenzione. Con la diaspora socialista si Ŕ disperso un patrimonio politico ed una tradizione di valori che hanno contribuito in questo secolo a costruire il progresso italiano. Solo in Italia il Psi Ŕ stato distrutto: nel resto d'Europa, nonostante le difficoltÓ che in questo momento attraversa, il socialismo democratico Ŕ ancora una realtÓ che ha la forza di concorrere a governare. Pensa ci sia io spazio politico per un ritorno dei socialisti e la ricomposizione di un'area laica e riformista del Paese? La fine del comunismo ha determinato in Italia il paradosso della scomparsa della sinistra democratica che al comunismo si Ŕ sempre opposta e la vittor...