Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 11
 
 


1996,
Numero 11

IL PDS E LE TRE VERITÀ SUL CASO FALCONE

di Mario Patrono

Le indagini sulla fine di Pio LaTorre non erano sgradite al Pci.Solo postmortem l'appropriazioneindebita della sua figura. Nella commedia Le voci di dentro, Eduardo De Filippo fa dire al protagonista, Alberto, che si può morire in due modi: "con la morte, cioè naturalmente", oppure "per mano di un tuo simile"; e che chi muore assassinato non muore mai completamente, ma continua a vagare su questa terra in cerca di giustizia. E di verità, aggiungo io. La verità si dice è una sola. Così è; ma non per Giovanni Falcone. Quella del Pci su Giovanni Falcone è una verità al plurale. C'è la verità n. 1, fatta circolare fino alla "fatal" data del 4 ottobre 1989. C'è la verità n. 2, valida fino all'eccidio di Capaci. E c'è la verità n. 3, mandata in onda postmortem. Vediamo però le tre verità nell'ordine: quali sono, come si sono formate, perché sono cambiate. Verità n. 1 Nella seconda metà degli anni '80 Giovanni Falcone, giudice istruttore a Palermo, indaga sugli intrecci tra mafia e politica: manda sotto processo i fratelli Salvo, inquisisce Vito Ciancimino. Il Pci fa il tifo per lui, ne sostiene le iniziative, gli crea attorno un clima di consenso. Lo appoggia quando Falcone mostr...