Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

RICONQUISTARE LA VERITÀ

di Ugo Intini

Grazie compagni, oggi è una festa come il 6 luglio ma è anche un momento di riflessione. Nessuno tra i soggetti socialisti della diaspora ha tutte insieme tre carte decisive che costituiscono la nostra forza e il nostro piccolo patrimonio. Abbiamo un simbolo riconoscibile perché con i suoi garofani è nella continuità con la storia del partito; abbiamo presentato questo simbolo sulla scheda nelle elezioni politiche e abbiamo poi conquistato attorno ad essi i nostri primi rappresentanti nelle istituzioni, soprattutto alla regione siciliana; abbiamo più di 26mila iscritti, che credo raddoppieranno entro l'estate. Questo ci rende oggi un Partito Socialista non virtuale ma reale, e ci carica di una grande responsabilità. Tutto quanto abbiamo costruito è il frutto di un sentimento di ribellione che è la nostra forza, che dobbiamo mantenere e coltivare; siamo nati ribelli alla fine dell'ottocento, è destino che si rinasca ribelli alle soglie del duemila. Ci ribelliamo a un'ingiustizia mostruosa, al fatto che l'unico partito scomparso della Prima Repubblica sia stato quello socialista; ci ribelliamo a una beffa atroce, che capovolge la logica e la morale della politica. Hanno perso storica...