Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

IL PRIMATO È DELLA POLITICA

di Giulio Di Donato

Care compagni e cari compagni, recentemente mi è capitato tra le mani, così per caso, un testo che conteneva due citazioni: una era di Seneca e diceva: "il tempo mette in chiaro la verità"; un'altra era di Brecht e diceva: "la verità si imporrà solo se sapremo imporla". Io francamente ho fatto attenzione a queste due citazioni, perché mi è sembrato che uno dei problemi che abbiamo dinanzi, quello che secondo me è il più importante, quello della riabilitazione della nostra storia, del nostro partito, di noi stessi, di Bettino Craxi, sta proprio tutto qui, in queste due citazioni, perché la verità sta venendo a galla, però è altrettanto vero che essa si imporrà solo se sapremo batterci perché non venga soffocata, manipolata e soppressa. Tra l'altro c'è stato un risvolto grottesco, perché queste due citazioni mi sono venute sotto gli occhi mentre i telegiornali riferivano della deposizione di Borrelli a Brescia. "Io quello lo sfascio", ripeteva il procuratore con voce stizzita, come tutti voi avrete avuto modo di vedere riportando l'aggressivo intento dell'eroe di Mani Pulite contro l'allora presidente del Consiglio Berlusconi, quello stesso dal quale il Tonino nazionale si recò...