Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

QUESTO SFORZO NON ╚ INUTILE

di Giusy La Ganga

Cari compagni, un partito nuovo si fa anche con il rispetto scrupoloso delle regole, dei turni, dei tempi, e io cercher˛ di stare nei dieci minuti. Il primo passo l'abbiamo compiuto, ma basta leggere i giornali di stamattina per capire che Ŕ un passo molto piccolo e che ci aspetta ben di pi¨ di ci˛ che abbiamo finora fatto. Sono stati anni, questi quattro, che tutti i compagni hanno sopportato come anni di persecuzione, ma anche hanno vissuto come anni di sbandamento, perchÚ se Ŕ il comportamento medio era ispirato dall'antico motto "Si salvi chi pu˛". Ne abbiamo viste di tut¨ i colori: chi si Ŕ sistemato da una parte, chi si Ŕ accucciato da un'altra, chi si Ŕ messo nelle catacombe, chi ha abiurato, chi ha dimenticato, chi ha scritto la revisione storica del passato ignorando persino le proprie personali responsabilitÓ. Dobbiamo per˛ sapere che questa Ŕ la conseguenza inevitabile di ogni persecuzione, ogni persecuzione genera una serie di degenerazioni, opportunismi, settarismi, amnesie, abiure. Il partito che nasce oggi deve avere la forza politica di lasciarsi tutto questo alle spalle, e io sono convinto da compagno di vecchia data che quindi cerca di lavorare per consegnare a ...