Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

SI GOVERNA COL CODICE PENALE

di Luca Josi

Ringrazio la presidenza e l'assemblea per l'invito ad intervenire. Abbiamo ridato vita alla Giovine Italia qualche anno fa mettendo insieme ci˛ che restava dei giovani socialisti, dei giovani liberali, radicali, repubblicani e di altri movimenti sparsi. Oggi Ŕ un grande movimento che fa grandi riunioni e che aggrega un pubblico di aderenti e simpatizzanti vasto, eterogeneo, non pi¨ di soli giovani, che incontra l'attenzione di Vittorio Sgarbi e l'adesione di Bettino Craxi. Raccoglie uomini uniti per la difesa della libertÓ, della civiltÓ che credono nel paese e che si oppongono alla "falsa rivoluzione". Un movimento costruito su toni aspri, a volte sovraccarichi di passione polemica ma indispensabili per farsi strada tra la censura, la calunnia, la demagogia e un sostanzioso opportunismo. A chi proponeva di mettere una bella pietra sopra la storia la pietra abbiamo provato a mettergliela sulla testa. Che cosa avremmo dovuto fare in questo silenzio omertoso alimentato dalla codardia e dal calcolo meschino? Tacere, subire oppure fondare un movimento socialista per rinnovare l'Italia con un banchiere di Stato. Molti ragazzi della Giovine Italia hanno difeso in questi anni spesso una...