Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

RICOSTRUIAMO UNA POLITICA SOCIALISTA

di Gianni De Michelis

Care compagni e cari compagni, io capisco che nella giornata di oggi non possano non prevalere i sentimenti e le emozioni, anche perché questo risultato, l'essere qui oggi a ricostruire il Partito Socialista, è soprattutto il frutto di uno slancio di cuore; è stato un atto di volontà, prima ancora che di ragionamento, che decine di migliaia di militanti socialisti hanno voluto compiere, e che si formalizza in questo congresso. Però dobbiamo avere la capacità di andare oltre il sentimento, di andare oltre le emozioni, dobbiamo ricominciare a parlare di politica, perché oggi non vogliamo solo riaffermare un diritto ineliminabile in una democrazia a essere presenti, con la nostra identità, con la nostra storia, con le nostre idee, ma vogliamo ricostruire un progetto politico che possa da domani ricominciare a dare un contributo alla soluzione dei problemi del paese. Noi siamo convinti che questo potrà avvenire, siamo convinti che il lavoro che è stato compiuto generosamente in questi mesi crei le condizioni perché a partire dalle prossime esperienze elettorali ci risia una rappresentanza socialista di questo Partito Socialista ad ogni livello in Italia, ma per fare questo non possiamo...