Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

SILENZIOSA

di Dino Felisetti

Non parlerò del Csm, anche se sono tentato, perché una cosa la vorrei dire, d'altra parte ho parlato quindici giorni fa alla conferenza programmatica proprio su questi temi e non intendo infliggere ulteriormente niente a nessuno, però sono successe alcune coserelle in questi giorni. Ho sentito tanti interventi appassionati, pieni di cuore, che condivido al cento per cento, ma poiché io lo farei male uso questo linguaggio conversativo quasi familiare. Ho sentito il dottor Borrelli deporre a Brescia. Io mi domando che cosa ci stanno a fare i miei attuali rispetto ad allora colleghi al Csm. A me non preoccupa Di Pietro, del quale ormai conosciamo vizi e virtù, ma quando un procuratore, come il procuratore della Repubblica di Milano, viene a dirci che ha saputo allora che vi era un suo sostituto il quale si apprestava a condurre un procedimento in termini di obiettivo di sfascio della persona, avrebbe dovuto ricordarsi che c'è una norma che prevede un sindacato a questo riguardo. Non è altrettanto molto felice quell'altra espressione di quell'altro sostituto che ha detto: "Voleva dire di inchiodarlo", non c'è mica tanta differenza tra l'una e l'altra battuta, rispetto a quello che è...