Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 12
 
 


1996,
Numero 12

UNITI, MA FUORI DELL'ULIVO

di Bobo Craxi

Care compagne e cari compagni, questo congresso socialista deve rispondere ad una esigenza, quella della effettiva ricrescita di un'entitÓ politica scomparsa del socialismo italiano, che si Ŕ definita in modo affrettato scomparsa e definitivamente tramontata a causa di un'inchiesta giudiziaria che ha travolto insieme molte cose, uomini, strutture, consuetudini democratiche, ma non ha impedito alle menti libere ed agli uomini coraggiosi di continuare a ragionare, a parlare e a riflettere. Per far questo non si pu˛ non partire se non riabilitando in modo sereno ed anche critico, ma a voce alta, il tratto pi¨ vicino della storia socialista pi¨ recente, sapendo noi per primi che essa Ŕ una storia ricca di intuizioni politiche, che hanno prodotto conquiste e risultati irripetibili, tanto per i socialisti quanto per il paese nel suo complesso, sul piano interno e su quello internazionale. Penso tuttavia e deve essere chiaro a noi per primi che un movimento politico non pu˛ rinascere riproducendo un mondo, uno spirito che non c'Ŕ pi¨ e che la lunga consuetudine con le responsabilitÓ di governo a tutti i livelli avevano finito per logorare. Penso che alla domanda se i socialisti, o almeno...