Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



La Croix
« Les convertis d'Algérie veulent s'affirmer dans le champ politique »

Tre processi sono stati avviati in Algeria contro dei convertiti al cristianesimo. Per gli imputati l'accusa è di “proselitismo”. Ciononostante, il fenomeno delle conversioni assume proporzioni sempre più significative, al punto che per questi nuovi cristiani la difesa della libertà di culto è divenuta una causa degna di una lotta politica. La storica algerina Karima Direche spiega chi sono questi uomini e donne che rischiano la prigione per difendere la propria fede.
 
Le Monde
Le premier ministre algérien préconise "un troisième mandat" pour le président Bouteflika

A capo del governo algerino dal 2006, fedelissimo del Presidente Abdelaziz Bouteflika, Abdelaziz Belkhadem appartiene alla corrente “conservatrice” del FLN che coltiva, senza troppe riserve, l'idea di affermare nel paese una forma di nazionalismo islamico di cui l'anziano presidente potrebbe rappresentare la sintesi. Per questo, mentre si approssima la scadenza del secondo mandato presidenziale, il potere in carica intende approvare una riforma costituzionale che permetta al Presidente di rimanere in carica per tre mandati. Belkhadem spiega inoltre perché l'Algeria è contraria all'Unione per il Mediterraneo. Non si tratta più di creare un'unione dei paesi del Mediterraneo, come previsto inizialmente dal Presidente Sarkozy. Il progetto oggi sul tavolo è una versione annacquata che non produce alcun significativo miglioramento al Processo di Barcellona. E poi – aggiunge – anche se l'Algeria fosse favorevole ad un'unione a geometria variabile, quello che non accetta è che queste iniziative divengano una copertura per la normalizzazione con Israele.AFP - Gadhafi has another go at Med Union idea
 

Data:





democrazia   nato   economia   obama   labour   cultura politica   israele   stati uniti   berlusconi   america   gran bretagna   clinton   ambiente   afghanistan   terrorismo   diritti umani   putin   russia   mccain   iran   blair   geopolitica   bush   francia   medio oriente   usa   energia   ue   siria   hamas   ahmadinejad   occidente   onu   cina   iraq   brown   sarkozy   politiche sociali   india   italia   rubriche   nucleare   critica sociale   storia   crisi   europa   medvedev   sicurezza