Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



The New York Times
The Fight for Turkey
Roger Cohen


In Turchia è in atto una guerra la cui posta è lo spirito della nazione, ovvero la laicità – sul quale si è fondata la Repubblica costruita da Ataturk – e l'Islam. Ebbene, da questa battaglia dipendono le sorti della democrazia nazionale e, in parte, quelle dell'Occidente. Ma né gli Usa né l'Unione europea devono temerne gli esiti, poiché in Turchia non si corre affatto il rischio una degenerazione islamista. Piuttosto, l'Occidente dovrebbe osservare con attenzione questo processo come esempio del conflitto che nasce da un'esigenza positiva: la modernizzazione dell'Islam.
 
Miami Herald
Where are the Arab moderates?
Trudy Rubin

È normale chiedersi dove siano gli arabi moderati quando quello che si vede nel mondo arabo è una continua radicalizzazione. E tuttavia i moderati esistono, ma – come sostiene in una recente pubblicazione, uno dei maggiori esperti della materia, l'ex Ministro degli Esteri giordano, Marwan Muasher – sono costretti sulla difensiva da un mondo radicale in crescita.
 
Foreign Policy
The Myth of Moderate Islam
Steven A. Cook

Uno dei rimedi più in voga per curare i mali del Medio Oriente è quello che prevede il rafforzamento del cosiddetto “Islam moderato”. Il principio non fa una piega, ma la domanda è: “esiste davvero un Islam non radicale?”. Ogni volta che i presunti “moderati” del mondo islamico sono andato al potere non hanno perso tempo a mostrare il coté radicale. Si pensi ad Hezbollah: si comporta in Libano come un benemerito ente assistenziale, ma non esita un istante a trasformarsi in guerrafondaio quando sono in gioco i principi che i radicali considerano “fondativi”, come negare ad Israele il diritto all'esistenza. E lo stesso potrebbe dirsi di Hamas e della pratica degli attentati-kamikaze che si mantiene nonostante da un anno l'organizzazione islamica abbia il legittimo controllo politico di Gaza.
 
 

Data:





crisi   obama   energia   europa   stati uniti   berlusconi   storia   nucleare   ambiente   politiche sociali   sicurezza   siria   afghanistan   ue   democrazia   onu   gran bretagna   brown   labour   medio oriente   italia   medvedev   cina   bush   blair   america   usa   russia   occidente   iran   putin   geopolitica   critica sociale   israele   india   economia   mccain   ahmadinejad   terrorismo   rubriche   clinton   diritti umani   cultura politica   hamas   nato   iraq   sarkozy   francia