Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


LA NATO "RIPARTE" DAL VERTICE CON OBAMA

Ma dove andrà?

Achille Lega, Affaritaliani.it,

Non è andato male il “summit” Nato del 3 e 4 aprile a cavallo del Reno, fra Strasburgo in Francia e Kehl in Germania. Nel senso che alcune decisioni comunque indispensabili per l'immediato - vedasi la cruciale guerra in Afghanistan - sono state prese, e si tratta per lo meno di un maggiore impegno militare degli alleati sul terreno. Molti temevano fratture o gravi intoppi tra gli Usa, rappresentati dall'abile “mattatore” Barack Obama, e alcuni governi europei recalcitranti.

Obama si è detto soddisfatto del consenso raggiunto con gli alleati; e un giudizio positivo è venuto anche dal presidente francese Sarkozy e dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, ritenuti in un primo tempo dubbiosi. Entrambi hanno voluto sottolineare che la sfida in corso non deve esser persa giacchè in Afghanistan è in gioco un principio-chiave di libertà a fronte dell'estremismo. Elogi poi al capo della Casa Bianca per la sua “nuova strategia” che prevede fra l'altro parametri specifici per valutare di volta in volta l'andamento delle operazioni.

In effetti la “Declaration on Alliance Security” diffusa dai partecipanti al vertice di Strasburgo-Kehl conforta l'opinione di chi è convinto dell'insostituibile ruolo ancor oggi dell'Alleanza - e può costituire una sorta di progetto a grandi linee - ma rimanda ad un altro momento la conclusione del riesame già in corso dello “Strategic Concept” (la determinante concezione strategica della Nato).

    

         

 


Data: 2009-04-10







afghanistan   iraq   cultura politica   ambiente   labour   siria   politiche sociali   storia   francia   democrazia   medvedev   diritti umani   israele   ahmadinejad   berlusconi   italia   cina   hamas   critica sociale   obama   energia   blair   economia   stati uniti   sarkozy   occidente   crisi   rubriche   ue   india   bush   putin   clinton   gran bretagna   medio oriente   europa   usa   geopolitica   nucleare   nato   russia   onu   brown   sicurezza   terrorismo   iran   america   mccain