Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



MINORANZE ETNICHE E RELIGIOSE NEL MEDITERRANEO
Critica Sociale, aprile 2011,

Il Centro Italiano per la pace in Medio Oriente (Cipmo) ha promosso un convegno internazionale per mettere a confronto le esperienze e i percorsi delle minoranze etniche e religiose delle due sponde del Mediterraneo. L'importante evento, che ha avuto luogo a Torino, si è tenuto sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica - Commissione straordinaria per i diritti umani del Senato. 

L'annoso problema delle minoranze etniche e religiose è riemerso recentemente come nodo cruciale in tutta l'area mediterranea. Guardate con sospetto, emarginate e spesso represse, le minoranze possono divenire fattore destabilizzante se il loro ruolo non viene riconosciuto e adeguatamente garantito dai governi.  In effetti, nelle ultime settimane la questione delle minoranze è esplosa sulla sponda Sud del Mediterraneo, insieme a un diffuso desiderio di cambiamento che si è concretizzato nel rovesciamento di molti regimi che apparivano intangibili.  L'iniziativa torinese, articolata in due giornate, appare pertanto particolarmente tempestiva nell'offrire un quadro ampio ed esauriente delle varie minoranze mediterranee che lottano quotidianamente per il riconoscimento della propria identità.

In apertura, padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, ha illustrato la condizione spesso discriminatoria che accompagna i cristiani in Medio Oriente, un tema successivamente ripreso da Andrea Pacini, Docente alla Facoltà Teologica di Torino. Nel complesso, la due giorni si è articolata intorno a una serie di focus tematici che hanno fatto luce sulle realtà più disparate: dai copti in Egitto ai musulmani in Europa, dalla parabola degli ebrei nel Vecchio Continente a quella degli armeni e dei curdi in Turchia, passando per la delicata questione degli arabo-israeliani che vivono nello Stato ebraico e giungendo ai Rom e ai Berberi.

Interessante infine l'analisi del caso della minoranza italiana in Alto Adige/Südtirol, esempio di positivo processo di integrazione di una minoranza all'interno del nostro contesto nazionale. Situazione stabilizzata che pur vive continue tensioni suscettibili di riemergere periodicamente, come dimostrato dalle recenti dichiarazioni del presidente della provincia autonoma di Bolzano, Luis Durnwalder, che, in occasione della celebrazioni del centocinquantesimo dell'Unità d'Italia, ha annunciato di non voler partecipare ai festeggiamenti.

Tra gli studiosi intervenuti, Emin Fuat Keyman, Direttore dell'Istanbul Policy Center alla Sabanci University di Istanbul, Youssef Jabareen, Direttore di Dirasat - The Arab Center for Law and Policy di Nazareth e Franco Cardini, Professore ordinario di Storia Medievale all'Università degli Studi di Firenze. (Fabio Lucchini)

 

Data:





rubriche   cultura politica   iraq   russia   terrorismo   obama   clinton   francia   bush   italia   democrazia   nato   energia   brown   labour   economia   hamas   onu   storia   afghanistan   europa   ue   iran   occidente   israele   gran bretagna   america   politiche sociali   india   crisi   ambiente   mccain   berlusconi   cina   nucleare   usa   stati uniti   geopolitica   ahmadinejad   diritti umani   critica sociale   blair   putin   medio oriente   medvedev   sicurezza   sarkozy   siria