Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 12
 
 


2001,
Numero 12

RIFORMISTA

di Enrico Manca

Vorrei sottolineare quelle che a mio giudizio appaiono alcune questioni chiave, viste dall'angolo di visuale della sinistra riformista. La prima è come costruire una credibile alternativa al Governo Berlusconi, uno degli obiettivi della sinistra riformista; la seconda è se in questo quadro è ancora attuale lo schema dell'Ulivo a due gambe, democratici di sinistra o Partito Socialista europeo e margherita, o se invece, costituire forse anche una frontiera più avanzata di schemi superati, cioè quella di lavorare per costruire il partito democratico dei riformisti, che coniughi e maturi insieme le diverse culture, quella cattolica democratica, quella liberaldemocratica, quella socialista e quella di quella parte postcomunista che è approdata al riformismo socialista. Naturalmente c'è chi pensa che questa idea del partito democratico dei riformisti sia una fuga dalla realtà, che rischia di rafforzare la sinistra antagonista e i centristi del Polo e chi invece pensa che una soluzione di questo tipo potrebbe realizzare una sorta di quadratura del cerchio, cioè non perdere a sinistra, e allargarsi verso il centro. Questo problema ha dei raccordi con ciò che può avvenire in Europa e che in...