Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 11
 
 


2001,
Numero 11

PRIMA CON I LAICI, POI CON I CATTOLICI

di Vittorangelo Archetti

Nei mesi e negli anni scorsi ho avuto modo ripetutamente di dire e di scrivere (perché gli scritti restano e le parole volano) che la collocazione dei socialisti in questa fase politica non poteva che essere all'opposizione del falso centrosinistra al governo, e quindi elettoralmente alleati della Casa delle Libertà. La ragione di questa scelta, era la volontà di contribuire alla sconfitta del falso centrosinistra e con esso dell'allora partito guida dei DS. Le motivazioni che ci spingevano a ciò erano essenzialmente due: La prima, che definirei per ragioni di giustizia. Io non credo, e non voglio credere, alla tesi del complotto fra il PDS e parte della magistratura per eliminare dalla scena politica i gruppi dirigenti del Pentapartito. Come sono disposto ad accettare la tesi di chi dice che il PDS non è stato colpito, se non marginalmente, dalle inchieste giudiziarie perché non si sono trovate le prove di quel che tutti sanno. E cioè che il finanziamento illecito e irregolare riguardava anche loro; ed in abbondanza. Ma il problema non è di natura giudiziaria, bensì politica. Quel che è inaccettabile è che i dirigenti pidiessini, pur sapendo come stavano le cose, abbiano utilizzat...