Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 11
 
 


2001,
Numero 11

IL CANE SI MORDE LA CODA

di Giovanni Cominelli

Che il cosiddetto "correntone", la corrente di minoranza dei Ds capeggiata da Berlinguer, che conta sul 34% degli iscritti, abbia deciso di costituirsi come associazione autonoma dai Ds, a neppure un mese dalla conclusione del Congresso di Pesaro, conferma che le contraddizioni in casa Ds si stanno aggravando. E che è incominciata una deriva, il cui approdo finale è la scissione, sia pure coperta da "rapporto federativo". Tutto cị era già nell'aria al Congresso svoltosi a Pesaro dal 16 al 18 novembre 2001. La relazione introduttiva di Piero Fassino si segnalava per un approccio convincente della problematica internazionale, caratterizzata dall'iniziativa bellica degli Usa e dei loro alleati, ma anche per l'inerzia sui temi di politica interna e di programma. Assente un giudizio storicopolitico sul decennio appena lasciato alle spalle, conti tuttora aperti con la storia della sinistra italiana di Pci e Psi. Ma, soprattutto e oltre la relazione e il dibattito che ne ha seguito i binari, ha pesato sui DS a congresso e sul loro immediato futuro una contraddizione strutturale. Il compimento della "svolta socialdemocratica", definita negli scritti e nelle parole, non appare nella ...