Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 11
 
 


2001,
Numero 11

IL RIFORMISMO LIBERALSOCIALISTA

di Claudio Martelli

Il congresso del Nuovo PSI diviso tra chi resta aggrappato al centro destra e chi rivendica una continuitÓ con l'autonomia socialista, Ŕ l'occasione per un bilancio non solo di un anno di vita del nuovo partito ma di dieci anni di diaspora socialista. Isocialisti liberali hanno una costruzione critica e costruttiva della globalizzazione e lavorano "for a better globalitation" consapevoli che il mondo in via di sviluppo ha tutto da guadagnare dall'apertura dei mercati, ma anche necessitÓ di una seria politica sociale di emancipazione e di tutela. Occorre alzare lo sguardo, dopo la sconfitta dei postcomunisti, verso una diversa prospettiva, una prospettiva d'avvenire, liberale e riformatrice non ristretta alla sola area di sinistra: l'elettorato fluttuante infatti Ŕ in crescita e vuole cose nuove che siano pi¨ convincenti di quelle vecchie. E a questi italiani che vogliono essere cittadini di un nuovo corso repubblicano che guardiamo innanzitutto. Lo sconvolgente attacco terroristico all'America e la giusta e necessaria risposta politica, diplomatica, militare degli USA e della coalizione internazionale contro le centrali del terrore fino alla distruzione del regime talebano replic...