Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

IL GRANDE COMPROMESSO

di Rino Cipriano

Se tentassimo di dare una definizione della religione islamica, al di lÓ dell'interpretazione del termine IslÓm che significa "sottomissione", a Dio ed alla sua parola rivelata attraverso il Libro, cioŔ il Corano, potremmo proporre quella di religione della 'rinascita' e della 'riproposizione'. Questa definizione tiene molto pi¨ in conto gli aspetti storici che quelli spirituali, in quanto proviene dalla volontÓ del suo fondatore di assestare un sistema teologico che riepilogasse quanto espresso dalle due principali religioni dell'epoca. Ispiratosi al culto di un Dio unico, ad Abramo quindi ed ai monoteisti puri, che non erano nÚ cristiani nÚ ebrei, Maometto trova una soluzione ai dettami del culto monoteistico che erano stati corrotti sia dai cristiani che dagli ebrei, dichiarandosi, peraltro, in quanto inviato di Dio, annunciato sia nella TorÓh che nei Vangeli. L'IslÓm nasce come religione che deve tentare il grande compromesso, la fondazione di una comunitÓ ultima, destinata a succedere al cristianesimo, cosý come questo era succeduto all'ebraismo nella direzione spirituale dell'umanitÓ. Si pu˛ tentare la definizione dell'IslÓm come religione dei compromessi, tranne che per un...