Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

LA FINE DEGLI STATINAZIONE

di Ciro Sbail˛

Kevin Danaher ora dice: "Dopo l'11 settembre" Prima lui e gli altri guru del movimento no/global dicevano: "Dopo Genova". Nella foresta simbolica del mondo globale c'Ŕ ormai un unico punto di riferimento per capire da che parte si sta, che cosa si vuole e in chi o cosa si crede: l'attacco terroristico agli Stati Uniti. Piaccia o meno, questo vale per tutti. Anche per il movimento no/global. E anzi, soprattutto per il movimento no/global, le cui battaglia nascono e si sviluppano in gran parte all'interno del linguaggio e della cultura dell'Occidente. "Dopo l'11 settembre", anche le "giornate di Genova" appaiono diverse. L'attacco terroristico all'America ha dimostrato che la ricerca dell'obiettivo simbolico non Ŕ "innocente". In una societÓ che vive di simboli, in cui i processi decisionali e le aspettative, le previsioni e le decisioni, si organizzano non solo intorno ai "fatti" e alle "notizie" (che si moltiplicano fino a diventare incomprensibili) ma anche intorno ai "simboli" (ben pi¨ familiari e facili da usare) non ci pu˛ essere grande differenza tra una violazione "simbolica" e una "reale". Gran parte di quanti lavoravano nelle Twin Towers lavoravano in un...