Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

ALTERNATIVI A SE STESSI

di Angiolo Bandinelli

Hectic, direbbero gli inglesi, cioè sfrenato, febbrile, tumultuoso, forse dissennato. Hectic, da ormai troppo tempo, è il dibattito che si svolge all'interno di una sinistra, o parte della sinistra, lacerata, sconvolta, istericamente consapevole della propria impotenza, povera di identità (che è cosa diversa dalle attuali, varie, irriducibili, stagnanti identità galleggianti sul nulla) ma speranzosa di ritrovarla inseguendo, col suo dibattere, progetti, programmi e proclami; o di fabbricarsela, ma che non sia hecticanch'essa, cioè frenetica, tumultuaria, volatile, magari anche libertaria, plastica e reversibile: tutto quello che la sinistra teme, anzi odia. Oggi, domani, il congresso ? già scontato, già inutile dei DS: poi, dopodomani, che succederà? Forse il partito socialdemocratico, forse il partito democratico: quello, ennesimo contenitore di già vecchi DS, di ancor più vecchi PDS o di antidiluviani PCI, berlingueriani o togliattiani, ma sempre più okkupato dal neocomunismo pacifista; questo, il partito democratico (socialista con un profumo cristiano, qualcuno lo avrebbe definito, o lo vorrebbe) socchiuso a qualche liberale disoccupato, a qualche repubblicano sulla zattera o ...