Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

NUOVE IDENTIT└ PERDUTE

di Leo Solari

Uno dei problemi pi¨ delicati della costruzione europea Ŕ quello delle lingue. Un problema, questo, di notevole importanza per le sue implicazioni culturali, politiche, economiche e sociali. Entrano in gioco tre diversi aspetti, che possono in parte risultare tra loro divergenti: l'esigenza di approcci, nel campo delle lingue, atti a facilitare la comunicazione tra i popoli dell'Unione; il problema della crescita esponenziale dei costi dell'attivitÓ di interpretazione e traduzione in una comunitÓ, quella dell'Unione, in cui esistono undici lingue ufficiali alle quali verranno ad aggiungersi, con le future adesioni, almeno altre dieci lingue; l'esigenza di curare, come Ŕ nello spirito e nei principţ della costruzione europea, che nessuna delle lingue nazionali dei Paesi membri subisca un pregiudizio dal processo di unificazione e di assicurare, in particolare, il rispetto dell'uguaglianza di dette lingue nelle comunicazioni ufficiali all'interno delle istituzioni comunitarie. Per quanto concerne quest'ultimo aspetto si pu˛ confidare che si continuerÓ a rispettare il principio della paritÓ delle lingue nazionali accettando le difficoltÓ e i costi crescenti che al riguardo si dovranno...