Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

"UN CLIMA POSITIVO NEL RICORDO DI CRAXI"

di Fabio Ranucci

Il cielo sopra Gaza è denso di nuvole scure. Nuove speranze di pace si alternano di continuo a spargimenti di sangue dall'una e dall'altra parte, tra israeliani e palestinesi. Una guerra da tutti conosciuta come Intifada, per l'Occidente altro non è che lo scenario di un conflitto su cui chiedersi se ha ancora senso parlare di pace. Su questo lembo di Mediterraneo, una delle città più antiche e più storiche nel mondo, la storia si è accanita da tempo. Quante volte i principali leader mediorientali si sono mobilitati, in tutti i modi possibili, per ripristinare la pace, perché alla violenza cieca delle armi si sostituisca la via politicodiplomatica di un più proficuo dialogo? Tante, forse troppe, inutilmente. Venerdì sera, in Palestina, è arrivata la missione del Parlamento italiano, guidata dal presidente della commissione Esteri della Camera Gustavo Selva, accompagnato dall'ex premier Massimo D'Alema, dal socialista Bobo Craxi e dall'esponente dei Verdi Laura Cima. Hanno visto con i loro occhi il risultato di un odio profondo, quanto gli effetti delle azioni devastatrici causate dalla spirale di violenza portino in un vicolo cieco e quanto sia necessario che le forze di pace, isra...