Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

RICOSTRUIRE LA REPUBBLICA SOCIALISTI O DEMOCRATICI

di Giovanni Cominelli

La discussione sul dilemma partito "democratico "/ partito socialdemocraticosi trascina, ormai, dal 1989. La caduta del muro di Berlino in quell'annus mira bilispose il dibattito del PCI di fronte a un trivio: la via neocomunista (che Occhetto aveva proposto nel marzo di quell'anno, "un nuovo corso del comunismo", sulle orme del comunismo riformista di Gorbaciov), la via socialdemocratica, la via "democratica". Il tempo storico che il Paese sta vivendo, dopo il 1989 e la crisi della Prima repubblica, è quello del "nation building", della ricostruzione della repubblica: nuovo patto costituzionale di cittadinanza, nuovo stato politico, nuovo stato amministrativo. Le culture politiche fondative della Prima repubblica, elaborate a cavallo tra l'800 e i primi anni del '900, stanno tramontando. Lo stato politico soffre di una prevalenza abnorme della funzione di rappresentanza rispetto a quella di governo. Sono note le ragioni storiche di questo assetto della democrazia italiana. Sono venute meno. E' tempo che si dispieghi una democrazia matura. Lo stato amministrativo è centralistico, autoritario, illiberale. Occorre riorganizzarlo su basi decentrate e federali. Gli Stati Uniti ...