Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

LA VIOLENZA ╚ UNA MALEDIZIONE PER L'UMANIT└ INTERA

di Mohammed Amin Smaili

Il suolo europeo Ŕ stato teatro della maggior parte delle guerre internazionali, la prima e la seconda guerra mondiali. E con l'Europa i popoli mediterranei hanno condiviso le sofferenze. Per questa ragione, i popoli europei sono dotati di grande saggezza e sembrano pi¨ o meno vaccinati per sopportare conflitti o terrorismo. Sono aperti a quella civiltÓ di convivenza tracciata dal pensiero di Papa Giovanni Paolo II: "Ho fatto mio il sogno di un'unica famiglia umana, quando ? nell'ottobre del 1986 ? invitai ad Assisi i miei fratelli cristiani e i responsabili delle grandi religioni mondiali a pregare per la pace. Desideravo che tutti si sentissero chiamati a costruire ? in un mondo ancora diviso in due blocchi ? un futuro di pace e di prosperitÓ. Avevo una grande visione davanti agli occhi: tutti i popoli del mondo che, da diversi punti della terra, camminavano per riunirsi davanti al Dio unico, come in un'unica famiglia". La visione del Papa ad Assisi era vera, ma la guerra nucleare, dopo la caduta del Muro di Berlino e la creazione dell'UnitÓ Europea, Ŕ sostituita da un'altra guerra, quella contro il terrorismo. E la pace sembra difficile in un mondo complesso e contraddittorio,...