Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 SOTTO LE MACERIE LA GRANDE ILLUSIONE

di Timothty Garton Ash

Dov'eravate quando avete saputo dell'assassinio di Kennedy? E della caduta del muro di Berlino? E adesso dell'attacco al World Trade Center? Fa parte anche questo di quei momenti decisivi di esperienza e mozione globale condivisi attraverso il mezzo televisivo, c'è però da chiedersi che tipo di evento globale sarà. Scioccante e indelebile nella memoria, ma in fin dei conti di scarso impatto sul corso della storia, come l'assassinio di Kennedy o, come la caduta del muro, un evento che ha davvero cambiato la storia, ripercuotendosi per molti decenni su tutti i continenti? Ho il sospetto che si collocherà più o meno a metà strada rispetto agli eventi precedenti, ma più vicino all'ultimo, per due ragioni ben precise. Innanzitutto perché si è trattato di una catastrofe annunciata. Per anni gli esperti ci hanno avvertito che dopo la fine della Guerra Fredda la peggior minaccia alla sicurezza delle nostre prospere democrazie capitaliste l'occidente o il nord, a seconda dei punti di vista avrebbe potuto venire dal terrorismo. La maggior parte della gente non li ha creduti. Ci sono stati sì attentati spaventosi ma nessun momento davvero decisivo come la divisione di Berlino o la crisi dei...