Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

IL MALE NON ╚ NEL CORANO MA NEL SECOLO ALLE SPALLE

di Barbara Spinelli

Per che cosa combattiamo: saperlo Ŕ importante in ogni circostanza, e lo fu in particolare nell'ultima guerra, dopo le inutili carneficine del '14'18, tanto che Frank Capra titol˛ cosý una serie di documentari sul nazismo e sugli ideali che motivavano gli americani. E se la consapevolezza fu importante allora, ancor pi¨ lo Ŕ oggi. Oggi infatti non sappiamo bene da dove venga la minaccia e quale sia il volto del nemico, anche se ne conosciamo l'immane potere distruttore. Non sappiamo neppure se l'attentato contro i simboli dell'America ? Manhattan e Pentagono ? sia equiparabile a una guerra classica, cui si risponde con offensive tali da debellare il pericolo entro un tempo circoscritto. A meno di non essere suicidi questo non Ŕ uno scontro tra culture che ha come bersaglio l'Islam, e l'Occidente che si arma contro un miliardo di musulmani Ŕ immagine da incubo. L'obiettivo Ŕ al tempo stesso pi¨ modesto e pi¨ impervio: si tratta di colpire un terrore nichilista che agisce al momento in nome dell'Islam, e di pensare un mondo in cui questo tipo di violenza Ŕ destinato a moltiplicarsi, per il semplice fatto di essere inafferrabile e non identificabile con uno Stato, una religione, una d...