Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

I TERRORISTI

di Reuel Marc Gerecht

Gli Stati Uniti hanno speso miliardi di dollari nell'antiterrorismo, sin dai bombardamenti delle ambasciate in Tanzania e Kenya, nell'agosto del '98. Decine di milioni sono stati spesi in azioni segrete contro Osama Bin Laden e la sua organizzazione terroristica, alQaida. In passato anche dopo l'attacco suicida dello scorso ottobre alla Uss Cole alcuni proclami statunitensi annunciavano baldanzosamente che la Cia e l'Fbi stavano clandestinamente "erodendo" l'organizzazione di Bin Laden, "pezzo dopo pezzo". Ma avendo lavorato per quasi nove anni nella Cia su questioni mediorientali (ho lasciato la direzione delle operazioni per la frustrazione che mi hanno procurato i molti problemi dell'Agenzia) penso che il programma antiterrorismo americano sia un mito. Peshawar, centro principale della frontiera nordoccidentale pakistana, Ť proprio sotto la "Grand Trunck Road" che porta al leggendario Khyber Pass, la porta dell'Afghanistan. Peshawar Ť dove Bin Laden si Ť fatto le ossa nella jihad islamica, quando a metŗ degli Anni 80 Ť diventato il finanziatore e il supporto logistico per il Maktab alKhidamat, l'Ufficio dei Servizi, l'organizzazione che cercava di arruolare e aiutare i v...