Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 IL PATTO NON ╚ TAB┘

di Mario Sarcinelli

L'impensabile Ŕ accaduto: un attacco possibile nelle guerre megagalattiche dei videogiochi si Ŕ materializzato a New York e a Washington, distruggendo o danneggiando gravemente i simboli del potere economico e politicomilitare. Quali effetti sull'economia della superpotenza? Quali sostegni dal resto del mondo? Cominciamo dai primi. Non vi Ŕ dubbio che l'orgoglio ferito e la determinazione dei governanti e del popolo condurranno a una reazione che cancellerÓ l'offesa recata alle cittÓ di New York e di Washington in tempi brevi o relativamente brevi. Ogniqualvolta una grave sciagura o un forte timore colpisce una popolazione sufficientemente coesa, questa reagisce positivamente, ma non pu˛ non rivedere razionalmente i propri comportamenti. L'economia americana negli ultimi tempi ha dato forti segni di indebolimento; le componenti della domanda che hanno evitato fino a oggi la recessione, la quale secondo alcuni sarebbe giÓ in atto, sono stati i consumi delle famiglie e gli acquisti di beni durevoli quali le abitazioni. Si pu˛ pensare che questo atteggiamento di grande fiducia nell'avvenire possa indurre le famiglie a un ulteriore indebitamento? Queste sono giÓ fortemente esposte vers...