Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 PUTIN: HO VISTO LA TV, VOLEVO PIANGERE

di Kay Dieckmann e Joerg Quoos

Il presidente russo Vladimir Putin, in vacanza sul Mar Nero, ha rilasciato questa intervista a due giornalisti tedeschi. Signor presidente, come ha appreso la notizia del terribile attacco al World Trade Center e al Pentagono? "Ho ricevuto una chiamata sul telefono collegato ai nostri servizi di informazione. Ero nel mio ufficio al Cremlino ed ho acceso immediatamente la televisione. Ho cancellato tutti gli impegni e sono rimasto tutto il giorno a guardare le immagini. La sera, ho convocato i capi di tutti i ministeri e gli organi di sicurezza per una riunione d'emergenza". Cos'ha provato mentre guardava quelle immagini? "Volevo piangere...". Il cancelliere tedesco ha parlato quella sera stessa di una "dichiarazione di guerra contro la civiltÓ"... "Vedete, ora che il primo choc Ŕ stato superato, occorre guardare le cose con freddezza. Non dobbiamo far nulla che possa aggravare la situazione e portare a nuovi attacchi. Per˛ dobbiamo unire gli sforzi per impedire in futuro attentati di questo genere. Ogni Stato del mondo pu˛ diventare vittima di questi criminali". Crede che questo attacco cambierÓ i rapporti tra la Russia e gli Stati Uniti? "Da parte nostra non abbiamo alcun...