Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 NON C'E' CONFLITTO DI CIVILT└

di Henry Kissinger

Gli attacchi terroristici su New York e Washington sono stati, fra l'altro, un segnale di sveglia. Per un decennio le democrazie erano progressivamente cadute preda dell'illusione che le minacce dall'estero fossero spante e che i pericoli, se mai ce ne fossero ancora, avevano soprattutto origine psicologica o sociale, cioŔ in un certo senso che la storia stessa, come fin qui conosciuta, si fosse trasformata in una suddivisione dell'economia o della psichiatria. Pur avendo subito l'esperienza del terrorismo, questo era generalmente diretto contro la presenza americana all'estero; il suo impatto era essenzialmente simbolico e si fermava ben prima di minacciare le vite dei cittadini e la societÓ civile in America. La nostra reazione consisteva in genere nella condanna, in uno o due raid di rappresaglia e in processi penali contro quei colpevoli che si riusciva a catturare in genere esecutori di basso livello. La situazione attuale richiede un approccio diverso. Il presidente George W. Bush ha giustamente ammonito che gli attacchi su New York e Washington equivalgono a una dichiarazione di guerra. E in guerra non basta resistere; Ŕ essenziale prevalere. Gli attacchi su New York e Wash...