Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 HO ANCORA FIDUCIA NEL NOSTRO FUTURO

di Alan Greenspan

Senza dubbio, nel breve termine, gli atti terroristici dell'11 settembre avranno effetti significativi sull'economia americana. SarÓ necessario uno sforzo enorme per far fronte alla distruzione fisica ed umana. Ma mentre cerchiamo di dare un senso a queste perdite profonde e alle loro conseguenze immediate per l'economia, non dobbiamo perdere di vista le nostre prospettive di lungo termine. Che non sono state significativamente intaccate da quei terribili eventi. Nel corso degli ultimi vent'anni l'economia americana ha sviluppato sempre di pi¨ la capacitÓ di assorbire gli choc grazie a mercati finanziari deregolati, mercati del lavoro sempre pi¨ flessibili e, di recente, grandi progressi nella tecnologia dell'informazione. In passato la nostra economia era riuscita a riprendersi rapidamente dopo le devastazioni degli uragani, dei terremoti, alluvioni e una miriade di altri disastri naturali che avevano colpito le varie regioni del nostro paese. Anche se il trauma dell'11 settembre ha qualcosa in comune con questi flagelli, le differenze sono importanti. Gli eventi della scorsa settimana ci preoccupano molto di pi¨ perchÚ colpiscono alle radici la nostra libera societÓ, di cui l'eco...