Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

TERRORISTI CAPITALISTI

di Salvo Anḍ

La guerra dichiarata dagli Stati Uniti al terrorismo vede la nazione americana, mobilitata intorno al suo Presidente, disposta a qualunque sacrificio pur di riconquistare una tranquillità sociale perduta. Ché di questo si tratta. Cị che l'America chiede a Bush è di sgominare un nemico invisibile, colpendo le centrali di comando politiche, militari, finanziarie della trama terroristica. Si tratta di assumere una linea di intransigenza nei confronti del terrorismo, che negli anni della guerra fredda spesso è stato tollerato, protetto per ragioni di realpolitik. Allora si trattava di utilizzare tutti gli strumenti di dissuasione possibile nei confronti del nemico per evitare la guerra; e il terrorismo poteva essere in alcuni casi strumento di dissuasione. Oggi i terroristi, i nuovi terroristi, agiscono al di fuori del controllo delle superpotenze, hanno obiettivi autonomi e possono trovare di volta in volta l'appoggio di singoli stati. L'America si è ritrovata improvvisamente , dopo l'11 settembre, aggredibile e impotente, coś come lo sarebbe ogni paese democratico di fronte ad organizzazioni terroristiche che dispongono di ingenti mezzi finanziari e tecnologici, e che probabilmente...