Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

IL LIBERALSOCIALISMO PER IL NUOVO SECOLO

di Tony Blair

Considerandolo a posteriori, il millennio ha rappresentato soltanto un momento fugace nel tempo. Sono stati gli eventi dell'11 Settembre a segnare una svolta decisiva nella storia, e ora dobbiamo fronteggiare i pericoli del futuro e considerare le scelte che l'umanità si trova di fronte. E' stata una tragedia. Un atto diabolico. Alle vittime vanno la più profonda compassione e le preghiere della nostra nazione, che prova anche una sincera solidarietà con il popolo americano. Siamo stati con voi fin dall'inizio. Rimarremo con voi fino alla fine. Esattamente due settimane fa, a New York, dopo la funzione religiosa ho incontrato alcune delle famiglie delle vittime britanniche. Si è trattato, per molti versi, di una circostanza tipicamente anglosassone. Venivano offerti tè e biscotti. Fuori pioveva. Ai lati della sala, estranei facevano conversazione, cercando di comportarsi da persone normali in una situazione anormale. E, attraversando la sala, si avvertiva un'atmosfera di speranza e, insieme, di tristezza: mani che afferravano fotografie di figli e figlie, mogli e mariti; ti imploravano di credergli quando dicevano che esisteva ancora una remota possibilità che i loro cari venissero...