Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 8
 
 


2001,
Numero 8

I COLPI DI MANO DEGLI OPPORTUNISTI

di Tonino Tagliaferri

La situazione di disagio determinatasi a livello nazionale del Nuovo PSI, che ha portato alla sfiducia e alla sospensione del segretario Gianni De Michelis, è il segno di un malessere, da tempo denunciato agli organi statutari e all'opinione pubblica, che trova riscontro nei comportamenti degli emuli locali del segretario per i metodi utilizzati e le arroganze egemoniche continuamente perpetrate sin dalla nascita del Nuovo PSI ad oggi. La riunificazione delle forze socialiste e delle varie componenti che si richiamano all'idea socialista attorno al nuovo simbolo non poteva infatti e non doveva essere intesa, coś come è avvenuto in Calabria, una pura e semplice incorporazione, una operazione aritmetica ottenuta virtualmente sulla base di una sommatoria di adesioni e di percentuali in grado di determinare nella sostanza un blocco egemone degli amici di sempre ed il perpetuarsi di antiche logiche nella conduzione del partito, molto vicine per forma e contenuto al dispotismo orientale. Già il furbesco colpo di mano, di far svolgere unilateralmente ed illegittimamente, con qualche mese di anticipo e qualche appendice di comodo, i congressi regionali e provinciali prima ancora dell'appr...