Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 8
 
 


2001,
Numero 8

UN ASSISE GENERALE DI AUTONOMIA SOCIALISTA

di Giuseppe Fabemoli

Cari compagni, nei giorni scorsi si Ŕ riunito il Direttivo Provinciale di Cremona, che, al termine dei propri lavori, all'unanimitÓ ha approvato la risoluzione politica, che qui allego, affinchÚ ne prendiate conoscenza e ne teniate conto nella determinazione e nei comportamenti che andrete ad assumere nelle prossime settimane. Essendo destinato a divenire pubblico, il documento ha evitato nei confronti dei vertici nazionale e regionale del PSI, asprezze polemiche che i compagni hanno affidato a me, perchÚ ve le trasmetta. ╚ grande, infatti, l'amarezza degli iscritti di fronte alla disintegrazione di un progetto politico di ricostruzione di un partito, il cui onore conta molto di pi¨ dell'elezione di quattro parlamentari, della nomina di un sottosegretario, di una manciata di posizioni di sottopotere, ottenute con l'indecoroso cappello in mano rivolto ad un partitoguida, la cui arroganza fa rimpiangere la razza padrona di democristiana memoria. Chi opera, consapevolmente od inconsapevolmente, per il fallimento dell'unitÓ socialista si assume responsabilitÓ politiche e morali, pari a quelle di coloro che hanno decretato la fine del PSI per via mediaticogiudiziaria o a quelle di color...