Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 8
 
 


2001,
Numero 8

NUOVO PLURALISMO E RIFORMA SOCIALE

di Stefano Carluccio

╚il pluralismo economico e politico la vittima eccellente dell'ultimo decennio di storia italiana, spinto dagli avvenimenti lungo la china del degrado e di una sua costante riduzione non solo in estensione, ma della sua intrinseca qualitÓ. China che non sembra tutt'oggi essere giunta al termine. Sin dalla introduzione delle nuove norme elettorali che hanno prodotto una profonda limitazione dell'autonomia politica dei partiti, il sistema bipolare uninominale attuale (tuttora "empirico" e non ancora "costituzionalizzato", ossia non reso armonico con i principi repubblicani del nostro ordinamento) ha declassato la tradizione di pluralismo, costante nella storia politica italiana, dalle fasce alte di eccellenza istituzionale, alle fasce basse di una disomogenea e dispersiva pluralitÓ di realtÓ "borderline", di scarsa qualitÓ, e di sostanziale supporto periferico ai nuovi centri decisionali. Questi sono sorti e si sono strutturati nel corso di una strategia decennale di separazione della democrazia politica dalla societÓ civile e, con essa, dal suo diritto di partecipazione e di controllo democratico dello Stato. Aggregati di interessi, vittoriosi protagonisti della "rivoluzione ...