Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 8
 
 


2001,
Numero 8

FEDERAZIONE PARLAMENTARE DEI LIBERAL SOCIALISTI

di Critica Sociale

╚il pluralismo la vittima eccellente della cosiddetta seconda repubblica, una situazione che neppure la svolta di centrodestra sembra modificare, anzi. Probabilmente Ŕ una tendenza che sarÓ confermata e stabilizzata in un nuovo corso corporativo delle relazioni sociali ed istituzionali. Il "pluralismo" era un termine inflazionato nella prima repubblica, soprattutto quando si trattava di rinviare ad ulteriori dispute le decisioni da prendere. Ma oggi si Ŕ finiti nell'eccesso opposto e il termine "pluralismo" Ŕ uscito di scena, scomparso dal vocabolario politico anche di chi ne abusava quando era all'opposizione per poi dimenticarsene una volta preso il potere. PerchŔ non c'Ŕ dubbio che il bipolarismo italiano sia il figlio politico della sinistra postcomunista, ma Ŕ ormai un figlio adottato anche dal centrodestra che non sembra minimamente intenzionato a rovesciare un precedente "regime", quanto ad assumerne la guida. Il regime che continua Ŕ dunque lo stesso di prima, quello creato con un trucco di "contabilitÓ istituzionale" per cui la rivendicazione di una maggiore efficienza e stabilitÓ di governo, cavallo di battaglia degli anni '90, si Ŕ ritenuto di poterle raggiunger...